Black out a Giovinazzo, danni in quattro palazzine per circa 10 mila Euro. Il Movimento Consumatori Puglia chiede risarcimenti all’Enel

blackout-enel-rimborsoIl Movimento Consumatori Puglia scende in campo per tutelare i cittadini di Giovinazzo danneggiati lo scorso 2 dicembre 2015 da un possibile sovraccarico di tensione dell’energia elettrica avvenuto alle ore 10.30 circa, dopo due giorni di sbalzi di tensione ad intermittenza nella erogazione della corrente elettrica.

Il sovraccarico di tensione da 220 a 380 Volt ha mandato in fumo per i condomini di quattro palazzine giovinazzesi televisori, modem, decoder, schede elettriche degli impianti di condizionamento, elettrodomestici da cucina, stereo, caldaie murali e quanto in quel momento collegato alla rete elettrica per un ammontare di danni di quasi 10 mila euro.

“I condomini danneggiati e ignorati dalla società dopo un primo approccio – spiega il Presidente del Movimento Consumatori Puglia, Bruno Maizzi – si sono rivolti alla nostra associazione che ha avviato le procedure per richiedere il risarcimento dei danni. Infatti, Enel Distribuzione ove cagioni danno ad un terzo è tenuto al risarcimento se non prova di avere adottato tutte le misure tecniche idonee ad evitare il danno”. Il consulente legale di Mc avv. Annacora Azzollini, sottolinea anche che “esiste un obbligo contrattuale di fornitura dell’energia elettrica da parte dell’Enel Distribuzione che prevede il rispetto dei limiti garantiti (230 V +/- 10%); il mancato rispetto configura inadempimento contrattuale dell’Ente distributore che, è tenuto non soltanto alla semplice utilizzabilità dell’energia ma, anche, alla sicurezza dell’erogazione di essa”.

Pertanto l’ufficio legale del Movimento Consumatori Molfetta ha prontamente inviato ad Enel una lettera di diffida, intimando la compagnia a prendere in considerazione la richiesta di risarcimento delle famiglie di Giovinazzo.

L’associazione ha già annunciato che, ove non si troverà una soluzione bonaria, non si esiterà a procedere giudizialmente, nell’interesse di ciascun condomino, per il pieno ristoro di tutti i danni ingiustamente subiti.

Facebooktwitterredditmail