Novità in merito alla Riscossione coattiva per le Violazioni al Codice della Strada

photoredDiversi cittadini automobilisti, multati per aver violato il Codice della Strada, in particolare attraverso i famigerati e sempre tanto discussi Autovelox e Photored, hanno, sia da soli che attraverso i loro legali, proposto ricorso ai diversi competenti per territorio “Giudici di Pace”.

Quasi sempre, contrariamente alle aspettative, si sono visti rigettare il proposto ricorso, attraverso una avversa Sentenza, e sono stati quindi soggetti alla soccombenza con consequenziale maggior esborso, spesso attraverso una coattiva riscossione da parte dell’Ente impositore e/o dalla delegata alla riscossione “Equitalia”.

Una recente Sentenza della Suprema Corte, la N.ro 20963 del 06.10.2014, ha posto serio vincolo al diritto della riscossione coattiva, in quanto le Violazioni al C.d.S. contestate e rigettate dal Giudice di Pace, non costituiscono un titolo esecutivo per l’esecuzione coattiva se non riportano espressamente la quantificazione dell’importo dovuto!

In pratica: se un soggetto, reo di aver commesso una infrazione al Codice della Strada, contesta presso il G.d.P. competente il Verbale e si vede rigettare il Ricorso, attraverso avversa sentenza, nella quale non viene quantificato espressamente l’importo da pagare, può (nel caso in cui l’Ente impositore e/o per suo conto la Società Equitalia, attui la riscossione coattiva), impugnare il consequenziale Atto, in quanto la sentenza di rigetto del ricorso, sostituendo il verbale, non costituisce a sua volta “secondo la Suprema Corte” titolo esecutivo.

In sintesi, la sentenza di mero rigetto dell’opposizione al Ricorso, non può essere legittimamente messa in esecuzione, se in essa non è contenuta una autonoma determinazione dell’importo della sanzione. In effetti è come se si ponesse in esecuzione una sentenza di condanna al pagamento senza quantificare il relativo importo. Questo significa in pratica, che tutte le sentenze di rigetto, che non riportino espressamente il quantum, siano insuscettibili di esecuzione, con immaginabili conseguenze positive/favorevoli per i consumatori.

Per ulteriori migliori delucidazioni e/o impugnazioni di inerenti Cartelle Esattoriali, le Sedi del Movimento Consumatori sono a disposizione.

Scopri le sedi in Puglia: www.movimentoconsumatoripuglia.it/dove-siamo

Facebooktwitterredditmail